Radio24 | Il Sole 24 ORE

Un osso bionico… autorigenerante

Un osso bionico, autorigenerante, adattabile e stampabile in 3D.

È stato brevettato dai ricercatori dell’Università di Milano-Bicocca e dell’Imperial College di Londra. Una notizia di questo tipo suscita molta suggestione ma è bene chiarire fin da subito che prima di una effettiva applicazione clinica, nella medicina rigenerativa in particolare, passeranno molti anni. Una prospettiva che porta, a maggior ragione, a considerare l’importanza della ricerca.
La difficoltà, in questi casi, risiede nel creare un materiale che, per così dire, riesca a “ingannare” il nostro fisico – sono definiti materiali biocompatibili – così da essere accettati e dare il via al processo di rigenerazione.

La sostanza potrà servire nel caso di una rigenerazione di un tessuto osseo o cartilagineo pesantemente danneggiato da una patologia. Come nel caso dell’osteoporosi.

 

Nel video: animazione che mostra i principi della medicina rigenerativa: il materiale ingegnerizzato viene impiantato nel tessuto danneggiato del ginocchio stimolandone la riparazione.

Grazie alla possibilità di essere stampato in 3d, verrà preparato e allestito con una forma personalizzata tale da essere adeguata al danno del paziente.
Abbiamo intervistato Laura Cipolla, docente di Chimica Inorganica all’Università Bicocca che ha partecipato assieme a un folto gruppo di ricerca alla brevettazione di questo nuovo e sorprendente materiale.

 


Cosa si intende per “autoripararsi”?

In laboratorio i ricercatori hanno effettuato un taglio netto su una porzione del materiale. Riavvicinando i due pezzi, in poche decine di secondi si ripara.

Vengono mostrate le capacità autoriparanti del materiale: dopo il taglio, avvicinando i due lembi il materiale si ripara autonomamente.
Vengono mostrate le proprietà elastiche del materiale e la sua capacità di assorbire gli urti, caratteristiche analoghe a quelle della nostra cartilagine delle giunzioni ossee.

 

 

Per iscrivervi gratuitamente al nostro podcast:

DownloadiTunes – RSS

Potete seguirci su:

Facebook – Twitter – Youtube

 

 

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.