Radio24 | Il Sole 24 ORE

Vendée Globe: il giro del mondo in barca a vela

Si parte da Les Sable d’Olonne, cittadina sulla costa atlantica, nella Vandea francese. Si parte ogni 4 anni con barche a vela da regata e si naviga in solitaria, senza assistenza, senza soste, attraversando tutti gli oceani del nostro pianeta.
Questa è la Vendée Globe, un giro del mondo e una gara che è considerata la più dura e difficile fra tutte le possibili attività sportive. La prossima Vendée Globe partirà il 6 novembre del 2016, e vi parteciperanno 20 imbarcazioni.
Alla gara possono iscriversi barche che appartengono a una categoria precisa: si tratta di monoscafi, ovvero strutture forgiate con un unico stampo, della lunghezza di 18 metri e 28 centimetri.
La gara: si prende il largo dalla costa francese e si scende giù, lungo tutta l’Africa, doppiando il Capo di Buona Speranza, e da qui inizia il lungo e più difficile tragitto, perché le imbarcazioni non risalgono e si mantengono basse, con il Polo Sud alla loro destra; viaggiano nell’estremo sud dell’Oceano Indiano, passano sotto l’Australia, attraversano il Pacifico meridionale con la prua dritta verso Capo Horn, l’ultimo lembo di terra del continente sudamericano; e da qui si risale l’Atlantico per tornare in Francia, ma ci si arriva dopo settimane di mare estremo e di venti freddi che creano le condizioni perché gli skipper possano anche avere problemi di ipotermia.
Una società italiana parteciperà alla Vendée Globe con una barca progettata appositamente. E a guidarla ci sarà Andrea Mura, skipper di fama mondiale.

La gallery fotografica dell’imbarcazione italiana:


Qui potete ascoltare un servizio che racconta le caratteristiche della gara e molti aspetti tecnologici della barca.

Partecipa alla discussione

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ultimi commenti

  • Marco 29 giugno 2015 / ore 23:56

    Grande Andrea Mura e grande Vento di Sardegna, complimenti anche a tutti i tuoi collaboratori per un progetto così ambizioso che si sta tramutando in realtà. Mi auguro che saremo in tanti a seguire le tue imprese! Un messaggio anche agli amici francesi : occhio che tra poco Andrea arriva !