Radio24 | Il Sole 24 ORE

La dinamica delle folle: l’effetto gregge

Vi è mai capitato di seguire qualcuno, durante un concerto o una manifestazione, perché non sapevate esattamente dove andare, fidandovi di lei o di lui senza averne un motivo?

 

Ebbene, vi siete comportati da “pecoroni”! É un comportamento tipico della dinamica delle folle che prende il nome di effetto gregge.

Le persone, in un ambiente sconosciuto oppure in un momento di panico, hanno una naturale tendenza a seguire un “leader”, ovvero qualcuno che mostra di avere chiara la via d’uscita.
Si tratta di un comportamento comune anche per le altre specie. Pensiamo, ad esempio, agli stormi di uccelli o, è proprio il caso di scriverlo, a un gregge di pecore. Nel caso delle persone, però, non è sempre detto che la persona “guida” abbia preso la direzione giusta.

Effetto Gregge

Emiliano Cristiani, ricercatore dell’Istituto per le Applicazioni del calcolo del CNR di Roma, è il coordinatore di uno studio sull’effetto gregge. Il team di ricerca ha cercato di dimostrare come questa particolare dinamica possa essere utilizzata ai fini della sicurezza, per monitorare e controllare i movimenti delle masse.

Lo studio è avvenuto all’interno del dipartimento di matematica de La Sapienza di Roma, ricco di corridoi e scale piuttosto contorti. Due gruppi di quaranta persone, che non conoscevano la struttura dell’edificio, avevano l’obiettivo di raggiungere un luogo ben definito. In uno di questi due gruppi, i ricercatori avevano inserito dei “leader nascosti” che conoscevano bene il dipartimento. Nel momento in cui i leader seguivano la strada più breve, anche tutti gli altri li seguivano.

Quando il leader mancava, il gruppo tendeva a sparpagliarsi. Quando i partecipanti individuavano una persona sicura di sé, la seguivano senza porsi alcun dubbio sulla direzione effettivamente presa.

 

Nel caso di grandi manifestazioni, in cui le regole e la comunicazione sulla sicurezza possono venire meno, si potrebbero nascondere tra la folla agenti delle forze dell’ordine in borghese, addestrati ad agire come leader e, di conseguenza, in grado di innescare l’effetto gregge verso la via di fuga più vicina. I ricercatori credono che, durante un evento particolarmente affollato, siano sufficienti 5 “pastori” per muovere un “gregge” di 10.000 persone.

Un dato che ci deve fare riflettere.

 

 

Ascolta l’intervista:

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.