Radio24 | Il Sole 24 ORE

Frank Zappa sulla pelle e sulle piante. L’incredibile storia di un batterio.

Se vi dicessimo che il batterio responsabile dell’acne ora vive nelle piante di vite?

 

Si tratta di una storia particolare, così come è particolare il nome di questo batterio: Propionibacterium acnes Type Zappae, in onore di Frank Zappa.

In natura ci sono già stati altri esempi di “trasferimento” ma, in questo caso, è la prima volta che si osserva un parassita umano che riesce a entrare e ad adattarsi in una pianta. Come può sopravvivere in un ambiente così diverso? Il batterio in questione si ciba soprattutto di acidi grassi presenti sulla pelle umana e, poiché essi sono presenti anche all’interno della vite, non ha avuto particolari difficoltà nell’adattarsi. C’erano già stati altri casi in cui era avvenuto questo passaggio ma erano tutti casi passeggeri. Il batterio Frank Zappa è il primo a essersi stabilito permanentemente in un nuovo organismo.

Sembra incredibile e anche i ricercatori erano scettici a riguardo, tanto da pensare a qualche tipo di contaminazione nei campioni analizzati. Dopo varie analisi accessorie e dopo avere usato tutti gli accorgimenti possibili, sono riusciti a individuare delle mutazioni uniche nel Dna del batterio, che lo rendono diverso da quello che risiede sulla pelle e che portano ad affermare che la mutazione sia avvenuta 6-7.000 anni fa: proprio nel momento in cui l’essere umano ha “addomesticato” la vite, rendendola coltivabile.

Il batterio Frank Zappa non si limita a essere un coinquilino abusivo della vite: ha una sua utilità e da il suo contributo. Produce, infatti, acido propionico, un composto in grado di proteggere la pianta da parassiti fungini. Si tratta del primo caso accertato di passaggio di un batterio dall’uomo, ma con le nuove tecniche di sequenziamento del Dna sarà possibile trovare nuovi esempi… se esistono veramente in natura.

 

Assieme a Omar Rota-Stabelli, ricercatore del team della Fondazione E. Mach autore della scoperta, abbiamo parlato di questo fenomeno, ci siamo fatti spiegare il perché del suo nome e… abbiamo ascoltato una (controversa) canzone di Frank Zappa, il cui testo potrebbe essere stato una fonte d’ispirazione. Buon ascolto!

 

Frank Zappa non è solo un batterio e non è solo un musicista: è anche una medusa! Ne avevamo parlato tempo fa. Si trattava di una medusa che “non muore mai”… un po’ come le canzoni del celebre artista americano.

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.