Radio24 | Il Sole 24 ORE

Le alluvioni e la gestione del rischio

Moebius sta cercando di trattare alcuni aspetti poco o nulla presenti nella gran quantità di informazione sviluppata intorno alla vicenda “alluvioni”.
Un primo tema è quello del rischio e di quello che noi tutti, cittadini e cittadine, sappiamo di questo componente fondamentale nei casi di emergenza territoriale. Più precisamente: c’è una conoscenza sufficiente e diffusa dalla quale possano discendere comportamenti di massa corretti? Non c’è, dobbiamo dircelo. Tutto ciò non ha nulla a che fare con la necessità di opere ingegneristiche e di ristrutturazione ambientale del territorio, che ovviamente, dopo gravi ritardi, andranno fatte. Il problema, invece, è comunque avere una maggiore preparazione, individuale potremmo anche dire, nella gestione dei propri comportamenti in presenza di una situazione rischiosa. Qui trovate un primo servizio dedicato al tema. Ne faremo altri, non solo a partire dalla emergenza alluvioni.

Ascolta l’intervista a Francesco Puma, Segretario Generale dell’Autorità di bacino del fiume Po

C’è un secondo tema che qui vi proponiamo, e che è andato in onda nella puntata di sabato 29 novembre 2014. I sensori, di questo si tratta. Se ne parla abbastanza spesso: sensori disposti, per esempio, lungo torrenti e fiumi, con l’obbiettivo di monitorare con continuità le soglie di criticità. Non solo: a questi sensori, si dice, può essere attribuita anche la funzione di innesco di varie forme di allarme.
Ma è davvero così che stanno le cose?

Ascolta l’intervista a Guido Bernardi, Direttore delle Attività di Sviluppo della CAE, un’azienda che progetta queste reti di sensori

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.