Radio24 | Il Sole 24 ORE
Ora in diretta

Condotto da

Io ne ho visto cose che voi umani…

“Io ne ho visto cose che voi umani non potreste immaginarvi, navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. È tempo di morire”.

lp1_0272Questo monologo ha segnato la storia del cinema e ha trasformato l’attore olandese che in Blade Runner veste i panni del replicante Roy Batty in un’icona della fantascienza. Rutger Hauer è stato l’ospite d’onore dell’ultima edizione del Trieste Science+Fiction Festival, che gli ha conferito il Premio Urania alla carriera.

Il film del 1982 di Ridley Scott è ambientato in una Los Angeles del futuro, alle prese con problemi di inquinamento e sovraffollamento. Ma quel futuro, il 2019, è ormai dietro l’angolo. Allora abbiamo chiesto a Rutger Hauer se la realtà sia sempre più simile agli scenari fantascientifici di Blade Runner. Ecco cosa ci ha risposto.

Qui l’audio della puntata di Moebius con il resto dell’intervista a Rutger Hauer.

Commenta per primo

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.